Provironum 25mg (10 tab) – Shering

13,00

Produttore: Shering Categoria: STEROIDI ORALI Pacchetto: 25mg (10 tab)

Descrizione

Composizione chimica

Proviron è una forma modificata Provironum di diidrotestosterone. A causa dell’aggiunta del gruppo metilico al carbonio 1, questo farmaco differisce da dihydrotestosterone, che protegge l’ormone dal metabolismo nel fegato per somministrazione orale. Nelle compresse orali Primobolan (methenolone) si applica la stessa modifica strutturale. Già dopo la prima somministrazione del farmaco, l’alchilazione in 1 posizione rallenta il metabolismo epatico degli steroidi, anche se in misura molto inferiore rispetto all’alchilazione alfa-17 alfa. Mesterolone è un androgeno, così come il diidrotestosterone, e la sua attività anabolica si manifesta ad un livello debole.

Caratteristiche strutturali

Mesterolon è una forma modificata di diidrotestosterone. Si differenzia dal diidrotestosterone aggiungendo un gruppo Provironum metilico al carbonio 1, che aiuta a proteggere l’ormone dal metabolismo nel fegato per somministrazione orale. La stessa modifica strutturale viene utilizzata anche nelle compresse Primobolan somministrate per via orale (methenolone). L’alchilazione rallenta il metabolismo dello steroide epatico da una posizione alla prima applicazione, anche se molto meno che con l’alchilazione alfa-17 alfa. Mesterolone ha una sufficiente resistenza alla disintegrazione, che consente di raggiungere livelli terapeutici utili nel sangue, sebbene il farmaco abbia una biodisponibilità complessiva molto inferiore rispetto ai 17 steroidi alfa-alcalini usati oralmente. Mesterolone ha anche una forte affinità per gli ormoni sessuali legati alla globulina. Può agire spostando altri steroidi associati allo SHBG allo stato libero (attivo).

Effetti collaterali Va notato che, nonostante la sua “morbidezza” – la proviron è in grado di provocare gravi effetti collaterali. Ad esempio, la sua Provironum attività androgena può servire da impulso allo sviluppo di ipertrofia prostatica e calvizie maschile. Si nota inoltre che se esiste un eccesso significativo di dosaggi terapeutici, aumenta il rischio di effetti tossici sul fegato e l’apparenza dei processi tumorali.